4x4

In seguito al grande successo riscosso dall’ecosostenibile e spettacolare disciplina ciclistica del “ Gravity Downhill ” e grazie alla grinta, esperienza e carica umana del “poliedrico” paratleta Gianluca Tassi (nella foto in alto), la Onlus UNO DI NOI è impegnata per far conoscere anche in Italia la nuova specialità sportiva dell’ Handbike 4X .
Si tratta di una particolare disciplina ciclistico inerziale (con assenza di pedalata) che, utilizzando uno specifico quadriciclo da off road, permette sia all’atleta normodotato che a quello disabile di percorrere tratti di strada bianca o sentieri sterrati in discesa.

handbike

Le caratteristiche tecnologiche del quadriciclo inerziale utilizzato sono:

A) essere provvisto di quattro ruote che, soprattutto nei tratti particolarmente impegnativi, garantiscono una stabilità e una sicurezza superiore ai già conosciuti tricicli;

B) essere dotato di sospensioni indipendenti ad ampia escursione in grado di assorbire meglio le asperità del terreno, migliorando il confort di marcia;

C) utilizzare 4 freni a disco che garantiscono migliori decelerazioni;

D) seduta contenitiva ed ergonomica, poggiapiedi, manubrio regolabile e cinture di sicurezza;

E) la parte telaistica è integrata da un roll-bar per la protezione del pilota.


I percorsi dove si svolgeranno le attività riconducibili all’ Handbike 4X “Tout Terrain (Bike Performance” agonismo, test tecnici, allenamenti, attività amatoriale e turismo) dovranno prevedere diverse tipologie di pendenze con caratteristiche di difficoltà variabili, riconducibili a: strade bianche, sentieri di media ed elevata difficoltà e circuiti permanenti appositamente allestiti.
Tutti i percorsi che saranno utilizzati nell’attività agonistica dovranno se, se ne riscontrerà la necessità, essere allestiti con chicane di rallentamento, barriere protettive da posizionare nei punti maggiormente pericolosi ed essere presidiati da personale di controllo collegato via radio.
Dovranno altresì essere percorribili anche da mezzi di supporto o prevedere strade di arroccamento che garantiscano l’accessibilità dei mezzi di soccorso.

Sia l’attività agonistica che quella turistico-amatoriale troverà collocazione all’interno del progetto NOI X UNO DI NOI che, supportato dalla Onlus UNO DI NOI e seguito dagli istruttori della EDS Evolution Driving School, si prefigge, oltre che incentivare l’attività sportiva dei disabili, anche di ricercare ed attivare occasioni che agevolino il superamento delle difficoltà che i portatori di handicap incontrano nell’affermare il loro incomprimibile diritto alla mobilità.
La particolarità espressa dall’ Handbike 4X e dai suoi praticanti, fa ipotizzare il suo inquadramento all’interno del più ampio e qualificato contenitore sportivo del CIP Comitato Italiano Paralimpico che con la sua organizzazione e rappresentatività potrà inquadrare e coordinare la pratica di questa nuova disciplina sportiva. Inoltre si deve positivamente osservare che, come già accade nell’automobilismo, la pratica sportiva dell’ Handbike 4X, trova analogie dinamico operative e comportamentali omogenee tra soggetti
normodotati e disabili.
Si ipotizza quindi una interdisciplinarietà tra CIP ed FIC Federazione Italiana Ciclistica che interpretando in maniera estensiva i regolamenti, possa portare ad organizzare gare di Handbike 4X con classifica unica tra atleti normodotati e disabili, utilizzando gli stessi percorsi anche per l’effettuazione di gare “downhill” o “mountain bike”.

 

Guarda le foto